Monete di Papa Paolo VI




Paolo VI

Giovanni Battista Montini nasce a Concesio in provincia di Brescia il 26 Settembre 1897 nella famiglia benestante di un editore. Nel 1916 entra in seminario per essere ordinato sacerdote nel 1920. SI trasferisce a Roma, dove studia all'Università Gregoriana e all'Università di Roma, per passare nel 1922 all'Accademia dei Nobili Ecclesiastici per studi diplomatici. Le sue capacità organizzative lo portano al Segretariato di Stato. Nel 1937 sotto il Papa Pio XI viene nominato Sostituto per gli Affari Ordinari del Segretario di Stato Cardinale Eugenio Pacelli. Quando nel 1939 il Cardinale Eugenio Pacelli diventa Papa col nome di Pio XII, Montini viene confermato nel suo ruolo nel nuovo Segretariato Cardinale Luigi Maglione. Alla morte di quest'ultimo nel 1944 il Segretariato viene soppresso e Montini lavora alle dirette dipendenze di Pio XII nella fase più critica della Seconda Guerra Mondiale. Il lavoro di Montini in questo periodo rimane nell'ombra, ma è principalmente legato alle relazioni diplomatiche del Vaticano con il governo fascista in Italia e nazista in Germania.

Nel 1952 gli viene offerta la nomina a Cardinale, che rifiuta. I rapporti con Pio XII si deteriorano e nel 1953 Montini venne inviato come Arcivescovo a Milano, dove si distingue per l'attenzione ai temi sociali e del lavoro. Contrariamente alla tradizione, Montini non viene nominato Cardinale nel successivo Concistoro e, sebbene non formalmente richiesto, questa mancata nomina lo esclude alla morte di Pio XII nel 1958 dalla candidatura a Papa. Viene eletto Giovanni XXIII, con il quale aveva rapporti estremamente stretti già prima dell'inizio del pontificato e che lo nomina Cardinale nello stesso anno d'inizio del pontificato. Partecipa attivamente alla preparazione del Concilio Vaticano Secondo, che prende l'avvio nell'11 ottobre 1962, ma che si interrompe il 3 giugno 1963 per la morte di Giovanni XXIII.

Il 21 giugno 1963 viene eletto Papa col nome di Paolo VI. Continua le riforme iniziate dal suo predecessore; nel 1965 porta  a termine il Concilio Vaticano Secondo e il 14 settembre 1965 crea il Sinodo dei Vescovi. D'altra parte, mantiene posizioni conservatrici sul tema del celibato dei preti, con l'enciclica Sacerdotalis Caelibatus del 24 giugno 1967, e sul controllo delle nascite, con l'enciclica Humanae Vitae del 24 luglio 1968. Una delle critiche che viene mossa al Papa riguarda i frequenti tentennamenti manifestati nel suo pontificato, tra i quali la posizione della Chiesa nei confronti delle contestazioni del Monsignor Marcel Lefebvre contro i rinnovamenti introdotti dopo il Concilio.

Con la visita in Terra Santa del 1964 è il primo Papa ad uscire dall'Italia dopo 150 anni. Seguono numerosi viaggi che lo portano ad essere il primo Papa a visitare tutti i cinque continenti e nel 1965 indirizza un discorso alle Nazioni Unite durante la sua visita negli Stati Uniti. Incontra molti capi di altri religioni e nel 1965 parla al Consiglio Mondiale delle Chiese.

Muore il 6 Agosto 1978 e gli succede Papa Giovanni Paolo I.



Copyright © ilMarengo.com
Tutti i diritti riservati

Vaticano